Italia da Vivere

World to know and live

(Piemonte-Torino) Juve e Del Piero: si va verso il divorzio definitivo?

Lascia un commento

Era un anno esatto che non nevicava a Parma, ma quest’anno la prima imbiancata, anche massiccia peraltro per la tenuta del campo del Tardini, coincide con il rinvio della partita Parma-Juve, 21° giornata del nostro campionato. Questo rinvio sembra avere un significato speciale per Del Piero.

Da ieri sera infatti alla chiusura del calciomercato, Del Piero è il calciatore più illustre al centro del gossip dei trasferimenti; se infatti il calciomercato è ufficialmente chiuso, i calciatori in scadenza di contratto a giugno, possono firmare con altri club. E per quanto Del Piero affermi che la sua preoccupazione ora è solo e soltanto il presente, da ieri sera è più libero di pensare anche al futuro.

Da 19 anni il nome di Del Piero è legato a quello della Juve, da 19 anni quando entra in campo, anche se ultimamente ci entra poco, lui è in grado di cambiare la partita, di viverla come se fosse ancora la prima con quella maglia; ma da meno di un anno lui sa anche che la società a cui ha dato la sua carriera non gli rinnoverà il contratto, e quindi da ieri sera, che poteva essere la sera del riscatto in campo, lui ha la coscienza di poter esser contattato da altri club.

Questo periodo deve essere difficile e allo stesso tempo affascinante per Del Piero, un presente che gli piace da matti visto che sta riassaporando sapori che da un paio di anni alla Juventus non si provavano più. Del resto, dopo essersi finalmente sbloccato in coppa Italia contro la Roma, la sua concentrazione bianconera è aumentata ulteriormente. Ieri sera, neve permettendo, sarebbe partito titolare dal primo minuto. Antonio Conte ha sempre chiarito: «Per me Alex sarà sempre una soluzione e mai un problema».

Nonostante il mancato rinnovo, le poche partite, i pochi goal, Del Piero potrà chiudere la stagione da Capitano, con la maglia della Juventus addosso. E potrà impegnarsi a fondo per cercare di rispettare l’impegno preso a maggio scorso con il presidente e i tifosi: “cercare di vincere lo scudetto in uno stadio fantastico come questo appena costruito. Uno stadio che da solo ci regalerà 4-5 punti».

Proprio questo è stato l’argomento principale delle “lamentele” di ieri sera. Nonostante la copertura del campo con i teloni, il Tardini non è certo lo Juventus Stadium, quindi non si poteva giocare. Ma conoscendo i limiti del campo e le previsioni del tempo, si poteva rinviare prima? Evitare che la Juve perdesse allenamenti importanti per la prossima di campionato? Ora il Milan, se riuscirà a giocare, potrà essere avvantaggiato? Solite lamentele di rito.

Tra i tanti pensieri per il mancato recupero e la prossima di campionato, nella testa di Del Piero echeggiano anche e soprattutto i richiami delle squadre estere che lo vogliono, Psg, Tottenham, o mete americane. A maggior ragione lui si impegnerà ed onorerà la sua maglia.

                                                                                                                                                                                                            Marialba T.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...